Il 12 marzo 2014 viene pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DPCM 3 dicembre 2013 che detta le “Regole tecniche per il protocollo informatico” ai sensi degli articoli 40-bis, 41, 47, 57-bis e 71, del Codice dell’amministrazione digitale (di cui al D.lgs. 82 del 2005).
Le attività previste dal nuovo Regolamento possono essere così sintetizzate:

  • individuare le aree organizzative omogenee ai sensi del DPR n. 445/2000;
  • nominare, in ciascuna delle aree organizzative omogenee, il responsabile della gestione documentale, e un suo sostituto (in caso di assenza o impedimento del primo);
  • nominare eventualmente, nelle amministrazioni con più aree organizzative omogenee, il coordinatore della gestione documentale e un suo vicario;
  • adottare il manuale di gestione su proposta del responsabile della gestione documentale o del coordinatore della gestione documentale;
  • definire, su indicazione del responsabile o del coordinatore della gestione documentale, i tempi, le modalità e le misure organizzative e tecniche finalizzate all’eliminazione dei protocolli diversi dal protocollo informatico previsto dal testo unico.

Il Protocollo Informatico offerto da Coopera® è flessibile e altamente configurabile, fruibile come servizio cloud o installabile presso l’infrastruttura CED del cliente.
L’integrazione nativa al sistema di gestione documentale e agli altri servizi offerti dalla suite, in particolare i sistemi di gestione unificata delle comunicazioni, gestione dei workflow e conservazione a norma, lo rende soluzione ideale, per efficienza, sicurezza ed affidabilità, per tutte le aziende e gli enti della PA che debbano ancora adeguarsi alle attuali prescrizioni ministeriali e desiderino essere pronti a rispondere a future variazioni normative senza soluzione di continuità dei servizi fruiti.

Approfondisci: Flussi documentali e protocollo informatico, Regole tecniche.